Iscriviti alla newsletter e ricevi il 10% di sconto online

Blazer: il re del guardaroba maschile

Il blazer è un capo must-have del guardaroba di ogni gentiluomo. Con una lunga storia alle spalle, ha caratteristiche specifiche che lo rendono unico. Ve ne parliamo qui.

Inventato dai britannici e legato all’ambito sportivo, il blazer rappresenta un tipo di giacca con particolari caratteristiche, elegante e adatta al tempo libero

Il blazer è la giacca più importante del guardaroba maschile, versatile e molto charmant. Sono stati i britannici ad inventarlo e il suo primo requisito era quello di attestare l’appartenenza di chi lo portava a una certa istituzione.

Infatti, i primi blazer furono quelli delle squadre di cricket e delle squadre dei canottieri delle scuole per l’upper class britannica. Quelli per il cricket prevedevano giacche corte e comode del colore del team di appartenenza e con un appariscente bordo in contrasto applicato. I secondi, invece, erano a righe verticali e venivano usati per lo più in occasioni sportive come le grandi regate in cui le scuole si davano battaglia. Il tipo di metallo con cui venivano realizzati i bottoni aveva un significato in funzione dei risultati sportivi ottenuti.

Chiarita l’origine di questo capo d’abbigliamento maschile, veniamo ad una domanda che ci viene posta spesso al giorno d’oggi.

Blazer e giacca sono sinonimi? La risposta è che i due termini non sono equivalenti, ma sono ovviamente collegati. L’uso quotidiano e l’evoluzione nel costume hanno poi spinto verso un impiego indistinto dell’uno o dell’altro, ma ci sono dettagli che li differenziano. Vediamoli.

Giacca vs blazer: diversi gradi di formalità

Mentre quando parliamo di blazer ci riferiamo ad un capo con una sua identità, pensato per essere indossato senza pantaloni coordinati, la giacca da uomo è un capospalla che fa parte di un look completo, ovvero appartiene ad un abito. E’ quindi abbinata a pantaloni e in alcune occasioni anche al gilet. Questa differenza è il prodotto di una diversa attitudine dei due capi: informale il primo, formale il secondo.

Le proposte delle case di moda hanno affievolito la nitidezza di questa distinzione, tanto che spesso vediamo giacche indossate con jeans o pantaloni chino.

Giacca vs blazer: due costruzioni diverse

La giacca è solitamente a petto singolo a due o tre bottoni, o doppiopetto a sei o quattro bottoni. Lo stesso può valere per il blazer, anche se essendo un tipo di giacca sportiva il canone la vorrebbe sempre monopetto a tre bottoni.

La differenza principale sta, però, nel tipo di tasca utilizzata. Mentre nella giacca può essere a filetto (maggior grado di formalità) o a toppa, nel blazer è sempre a toppa, come si conviene ad un capo volutamente informale.

Rispetto alla costruzione delle spalle le differenze diventano più sfumate. Possono, infatti, entrambi avere una medesima costruzione. La giacca italiana solitamente è a rollino. Ovvero viene realizzata a mano, inserendo prima una sottilissima spallina e poi un’imbottitura (detta rollino) nel punto di attaccatura della manica. La spalla diventa quindi più rotonda e la forma complessiva dell’indumento più definita.

Il blazer, invece, viene spesso confezionato con spalle a camicia, ovvero inserendo l’eccesso di tessuto della manica al di sotto della spalla, in modo da seguirne il profilo del corpo in quel punto e regalare una vestibilità più morbida.

Rispetto alla struttura interna, la giacca ha un maggior grado di strutturazione interna rispetto al blazer. La prima ha una costruzione intelata o semi intelata. Il secondo, invece, è confezionato destrutturato, privo cioè di tela, spalline, picchiettatura e fodera interna. Questo lo rende leggero e comodo da indossare anche sopra a più strati di indumenti. In conseguenza di ciò, è evidente come la vestibilità assicurata da una giacca sarà sempre più fit rispetto a quella di un blazer.

Il Navy Blazer

Il Navy Blazer è il più importante e frequente tipo di blazer che ancora oggi troviamo nell’armadio di molti gentiluomini. Secondo le tradizioni sarebbe figlio delle uniformi della marina britannica adottate in occasione della visita della giovane regina Vittoria a bordo della nave HMS Blazer.

Non è chiaro se questo capo fosse originariamente a righe bianche e blu con bottoni in metallo, oppure se fosse una variazione della Peacocks Jacket, già blu e doppiopetto, con l’aggiunta dei bottoni in metallo.

Ad ogni modo, il Navy Blazer classico è una giacca blu con le caratteristiche strutturali descritte sopra. Viene realizzata sia monopetto che doppiopetto e deve avere i bottoni in metallo, siano essi d’oro o d’argento. Sei è il numero standard che troverete. Tuttavia, la moda propone anche modelli a 4 e 2 bottoni.

Perché rappresenta un must-have per un gentleman? Perché potrebbe decidere di voler personalizzare il capo sostituendo i bottoni con alcuni personalizzati, ad esempio facendo incidervi le sue iniziali o un simbolo per lui significativo.

Il Navy Blazer è formale o informale?

Posto che rappresenta un tipo specifico di blazer – quindi che si tratta pur sempre di un capo elegante, ma ideale per il tempo libero – il grado di formalità del modello Navy è determinato dal taglio e dai bottoni.

Il meno formale è quello doppiopetto con bottoni d’oro, mentre il più formale è quello monopetto con bottoni d’argento. Se cercate un grado intermedio di formalità dovreste rivolgervi a giacche monopetto con bottoni d’oro e poi a giacche doppiopetto con bottoni argento.

Con quali scarpe e quali pantaloni deve essere portato un Navy Blazer?

Poiché, come abbiamo già detto, il capo resta comunque una scelta informale, dovrebbe essere indossato con scarpe marroni. D’estate può essere abbinato a calzature da barca, oppure alle spectator in cuoio o in canvas chiaro (le scarpe realizzate in due colori e un tocco vintage tipiche dell’America degli anni ’20 e ’30). Potete anche scegliere di portare scarpe bianche. Sarebbe, però, opportuno optare per questa soluzione con pantaloni dello stesso colore.

Per quanto riguarda, invece, l’abbinamento con pantaloni, le opzioni sono tre. Grigi di flanella per l’inverno; beige o bianchi come la canapa per l’estate. I primi sono perfetti per il tempo libero in città. I secondi anche per una passeggiata fuori dalle mura urbane, purché il contesto non diventi eccessivamente agreste – sarebbe necessario cambiare tipo di giacca in questo caso. I terzi sono l’ideale quando vi troverete in un posto di mare o comunque dove vi sia uno specchio d’acqua.

Vi abbiamo aiutato a chiarire le idee sui blazer? E’ allora arrivato il momento di dare uno sguardo sul nostro shop online per vedere giacche e blazer della collezione presente in questo periodo in negozio.

 

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sui prodotti, le storie e le curiosità dei nostri brand. Inoltre riceverai le offerte speciali riservate solamente agli iscritti alla nostra newsletter!

Prenota il tuo appuntamento

Scegli il giorno che preferisci e vieni a trovarci nel nostro punto vendita a Firenze in Via Porta Rossa 33/r

Le ricordiamo che scegliendo 16.00 - 18.30 il suo style advisor sarà disponibile fino alle 19.30.