Come scegliere la cravatta giusta per ogni occasione

La cravatta è un capo importante per rifinire un look formale. Poiché scegliere quella corretta può essere difficile, abbiamo pensato di indicarvi i quattro elementi da considerare. Sapevate ad esempio che la lunghezza ideale dipende dalla vostra fisionomia? O che non tutti i materiali sono adatti ad essere portati in ufficio?

Bene, continuate a leggere e scoprirete come si dovrebbe indossare una cravatta e perché, farlo secondo le regole dell’eleganza maschile, è il solo modo per valorizzare le altre vostre scelte di stile. In alternativa, veniteci a trovare in boutique e vi sapremo consigliare al meglio!

4 regole da seguire per non sbagliare cravatta 

Le cose più semplici tendono ad essere quelle date per scontate. Pertanto, vogliamo indicarvi quali sono le quattro regole da seguire quando scegliete una cravatta, per evitare di commettere errori di stile e dare un’errata percezione di voi e del vostro gusto.

#1 Considerate la lunghezza: mai oltre la cintura

Ogni uomo ben vestito sa che uno dei segreti per risultare elegante è fare attenzione alle proporzioni. Mentre è un principio tenuto ben a mente quando si sceglie un abito sartoriale, viene spesso dimenticato quando si tratta di cravatte. Questo capo, però, deve armonizzarsi con gli altri, aiutando a mantenere l’equilibrio su cui è stato costruito l’outfit e rispettando la fisicità di chi la indossa.

Questo significa che la lunghezza perfetta per una cravatta, indipendentemente dalla tipologia, non deve superare la cintura.

Considerando che ne esistono di diverse misure, per capire quale scegliere, valutate la vostra altezza.

Ad esempio, se siete alti più di 1.85 m, una cravatta di 155 cm è la scelta ideale.    Se la vostra statura è compresa tra 1.65 m e 1.85 m, allora meglio una di lunghezza standard, ovvero 150 cm.                                                                                                    Chi invece fosse alto meno di 1.65 m dovrebbe prediligere le cravatte in versione corta, ovvero di circa 140 cm.

Quando ci si domanda quale sia la lunghezza corretta per una cravatta, si deve poi anche tenere presente la necessaria armonia quando è indossata e annodata. Ciò significa che la pala posteriore non deve essere troppo corta rispetto a quella anteriore. Lo stesso vale all’inverso. L’ottimo quindi è calibrare le due pale della medesima lunghezza sfiorando la cintura.

#2 Scegliete la larghezza della cravatta in base ai revers della giacca

Se l’equilibrio è la regola dell’eleganza, sarà facile capire come anche per la larghezza della cravatta ci siano degli accorgimenti da rispettare. Verificate che sia proporzionata rispetto ai revers della vostra giacca. Per semplificare: cravatta sottile con giacca dai revers slim; cravatta più ampia con giacca dai revers più abbondanti.

Per dare un parametro di riferimento, potremmo dire che la larghezza:

non deve essere mai superiore ai 9 cm e mai inferiore agli 8 cm. L’unica eccezione è ammessa per le cravatte in maglia, certamente più consone tra i 6 e i 7 cm.

Sempre per un giusto bilanciamento, quando vi apprestate a indossarla, cercate di allacciarla in modo che il nodo non sia eccessivamente grosso rispetto alla sua larghezza.

#3 Prestate attenzione a colori e pattern: blu e regimental i classici semplici da abbinare 

Il colore della cravatta è importante. Lo dovete valutare per prima cosa durante l’acquisto. In questa fase, dovete chiedervi quali sono le tonalità che donano di più in base al vostro incarnato e che meglio si sposano con quelle prevalenti del vostro guardaroba. Sarà un modo intelligente per valorizzarvi e avere nell’armadio qualcosa che potrete vestire in svariate occasioni. 

Se la vostra pelle è olivastra, i vostri capelli brizzolati e gli occhi neri e siete soliti indossare abiti grigi, sarebbe una buona scelta scegliere cravatte sui toni del blu. Un grande classico potrebbe essere una cravatta regimental che alterni al blu uno o due altri colori.

Cravatte blu

Se, invece, avete un incarnato color rosa pesca, capelli castani chiari e gli occhi marroni caldi ed il vostro guardaroba è fatto di abiti sartoriali dai colori coloniali, cravatte dai toni caldi come il marrone nelle sfumature del ruggine potrebbero essere una buona opzione.

Cravatte marroni

In secondo luogo, dovete prestate attenzione al colore della cravatta quando la indossate. Per prima cosa dovrà armonizzarsi con la camicia. In questo caso la sola ‘regola’ da consegnarvi è un po’ morbida, ma pur sempre utile – come potrebbe essere altrimenti, considerate le infinite possibili combinazioni ed eccezioni!? Sceglietene una di una tonalità più scura della camicia o che abbia un motivo capace di creare un misurato contrasto. Ovviamente optare per una bianca nitida vi metterà a riparo da ogni errore!

#4 Scegliete la seta in qualunque stagione per occasioni formali, il cotone o il lino per l’estate e per contesti informali

Il materiale è l’ultimo elemento da valutare. Ci sono cravatte realizzate in tessuti invernali  come la lana e il cachemire che sarebbe strano indossare in primavera-estate e quelle in tessuti estivi come il lino e il cotone che, invece, sono perfette per la stagione in corso, con outfit meno formali.

Ci sono poi cravatte che vanno bene per ogni stagione e sono quelle prodotte in seta, un vero passe-partout capace di regalare sempre un allure elegante a chi le porta.

Come regola generale, le cravatte di seta monocolore sono le più formali – ecco perché sono spesso sfoggiate da imprenditori e/o personaggi di spicco. Per questo motivo sono un complemento perfetto per abiti sartoriali, anche nella loro versione con stampe a fantasia e/o motivi geometrici.

Negli ultimi anni, per dare un tocco di originalità, alcuni uomini hanno scelto di portare cravatte a maglia dal design stretto e dall’estremità squadrata all’interno di contesti formali. A meno che non si tratti di seta lavorata a maglia, noi le preferiamo in circostanze e con outfit ad un livello inferiore di formalità. Perfette con completi spezzati o anche semplicemente abbinate ad cardigan.

Ricordatevi però una cosa: a meno che non siate una star di Hollywood se sarete invitati ad una festa con dress code tuxedo, ovvero il nostro smoking, vietatissimo indossare la cravatta nera! Scelta obbligata sarà avere un papillon!

Venite a scoprire le numerose cravatte presenti in negozio! Ve ne mostriamo alcune sotto.


Cravatte motivo cachemire

Cravatte regimental

marco_boniCome scegliere la cravatta giusta per ogni occasione