Iscriviti alla newsletter e ricevi il 10% di sconto online

Come diventare grandi al meglio

Diventare “diversamente giovani” è un processo naturale e auspicabile per tutti. Come fare per riuscirci al meglio? Con alcuni accorgimenti che vi raccontiamo in questo post.

Attività, atteggiamenti e prodotti per splendere nei propri anni

Sean Connery era un uomo affascinante? Alla cerimonia degli Oscar del 1987, quando vinse la statuetta per “Gli Intoccabili”, dall’alto dei suoi 57 anni dimostrava come lo splendore che lo aveva portato al successo in gioventù non si fosse appannato, tutt’altro. Anche adesso che di anni ne ha 90 il suo appeal non è mutato. Cosa vogliamo dimostrare con questa introduzione?

Che l’avanzare del tempo non sottrae necessariamente bellezza, ma può al contrario accrescerla. Vale tanto per gli uomini che per le donne.

Come sarete tra dieci anni dunque? Dipende da una combinazione di fattori, ma anche dalla vostra capacità di seguire semplici consigli. Regole per vivere bene il tempo che passa.

Nel frattempo, i più curiosi potranno ricorrere all’applicazione FaceApp. Grazie ad un sistema di intelligenza artificiale vi permetterà – tra le altre cose – di fare un salto in avanti negli anni e di vedere il vostro aspetto futuro. Se volete sfidare il tempo, però, sarà sufficiente usare delle accortezze. Grazie a queste l’età anagrafica sarà solo un dettaglio sul vostro passaporto. Vediamole.

 

Faceapp_invecchiare_bene

Pensate all’età che avanza in modo positivo e sperimentate cose nuove

La prima semplicissima regola per invecchiare bene è sapere che l’invecchiamento fisico risente di quello psicologico. Quindi tenere allenata la propria mente e coltivare un atteggiamento positivo nei confronti della vita può decisamente aiutare a maturare in modo splendido.

Non lo dice solo il senso comune, lo dice anche la scienza. Uno studio pubblicato sul Journal of the American Medical Association, ad esempio, dimostrava come le persone capaci di vedere l’età come a un mezzo per diventare più saggi e avere una maggior soddisfazione generale avevano oltre il 40% di probabilità in più di riprendersi da una disabilità rispetto invece a coloro che consideravano la vecchiaia come sinonimo d’incapacità (di fare qualcosa) o inutilità.

Potreste, ad esempio, coltivare un nuovo hobby o riscoprirne uno vecchio – come suonare uno strumento musicale – fare lavori manuali e tirar fuori il vostro lato creativo.

Nel frattempo, se volete divertirvi, potete fare un veloce test online per vedere quanto il vostro cervello sia in forma: cliccate qui.

Fate esercizio fisico, anche con l’aiuto della tecnologia

Forza, flessibilità, equilibrio sono tre pilastri su cui si regge la nostra salute. Tutti e tre possono essere migliorati praticando sport. I suoi benefici sono dimostrati dalla scienza e si vedono a qualsiasi età. Restare in forma, peraltro, ha conseguenze positive anche sul cervello. L’esercizio fisico, infatti, rafforza l’ippocampo, l’area cerebrale associata all’apprendimento, riducendo così la perdita di memoria causata dall’età.

Fondamentale dunque portare avanti con costanza un’attività motoria, mano a mano che passano gli anni. Che sia palestra, tennis, jogging, golf o qualsiasi altra, ritagliatevi del tempo. Dopo i 40 è dimostrato come negli uomini inizi a calare il testosterone, l’ormone stimolato dall’esercizio fisico, grazie a cui si mantiene la massa muscolare e l’energia.

Bastano anche pochi minuti. Avete per caso provato con soli sette? L’app 7 minutes aiuterà i più pigri di voi a superare ogni resistenza dedicando solo questa piccola frazione di tempo! Provare per credere :)

Considerate il cibo una fonte di piacere, ma usate moderazione

Quando parliamo di attività sportiva, implicitamente vi stiamo consigliando anche di assumere stili di vita sani. Ad esempio mangiare correttamente. Non ci metteremo qui a fare i nutrizionisti; non è il nostro mestiere. Ci sono una serie di raccomandazioni ormai note per invecchiare bene. Tra queste, ad esempio, ridurre il consumo di sale, di zuccheri, di grassi e alcol, consumare abitualmente cibi che aumentano il metabolismo – come le famiglie dei cereali integrali – e alimenti come uova, pollo, legumi e crostacei che contengono lo zinco – importante sostanza capace di stimolare la produzione del testosterone. Nonché bere molta acqua.

Tuttavia, qui vorremmo invitarvi a pensare al cibo come una fonte di piacere e un mezzo per comunicare con gli altri. Pertanto, il nostro principale suggerimento sul tema è osservare consapevolmente una dieta varia ed equilibrata, concedendosi di vivere in modo spensierato quelle preziose occasioni sociali e personali che il tempo vi regala. Un bicchiere di vino consumato con gli amici, un dessert al termine di una cena di degustazione in un bel ristorante con la propria compagna: questi non sono errori o deroghe alla sana alimentazione. Sono ricordi e sensazioni che, se vissute pienamente, vi aiuteranno ad affrontare con un sorriso gli anni che corrono.

Proteggete la pelle, ricordandovi anche di dormire

La pelle è la prima barriera che ci protegge dall’esterno e nella vita di tutti i giorni è sottoposta ad uno stress che ne determina il deteriorarsi e il formarsi dei primi del segno del tempo.

Per quanto questi possano essere affascinanti, con semplici gesti è possibile rallentarne la comparsa e mantenere la propria pelle in buon aspetto. Quali?

Dopo i 30 anni, ad esempio, sarebbe bene sempre usare una crema idratante, meglio se con un fattore di protezione – un SPF 30 ad esempio. La scelta oggi è ampia, quindi, sicuramente, qualora questa formulazione risultasse per voi troppo pesante, potrete convergere su lozioni o gel dalla texture più leggera e piacevole. Oltre a supportarvi nel mantenere un buon livello di idratazione – dunque di difesa dagli agenti esterni – questi prodotti contribuiranno a prevenire l’iperpigmentazione.

Qualora foste nella condizione di dover correre ai ripari per l’emergere di questo comune problema legato al passare del tempo e all’esposizione prolungata al sole, tre informazioni utili. Oltre al retinolo e alla vitamina C, per contrastarlo potete usare l’acido cogico, un sottoprodotto del processo di fermentazione nella produzione del sake, il vino di riso giapponese. E’ considerato una scelta naturale. Oppure masticate la liquirizia: dall’interno agirà sulla luminosità del derma.

Un altro modo di proteggere la pelle è senza dubbio anche coltivare un buon sonno. Durante il riposo l’organismo rilascia un ormone che aiuta a ripristinare collagene ed elastina, componenti essenziali per una pelle sana.

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sui prodotti, le storie e le curiosità dei nostri brand. Inoltre riceverai le offerte speciali riservate solamente agli iscritti alla nostra newsletter!

Prenota il tuo appuntamento

Scegli il giorno che preferisci e vieni a trovarci nel nostro punto vendita a Firenze in Via Porta Rossa 33/r

Le ricordiamo che scegliendo 16.00 - 18.30 il suo style advisor sarà disponibile fino alle 19.30.