La conoscenza è potere. Libri consigliate per uomini curiosi

libri uomini vivere bene

4 libri che ogni gentleman moderno dovrebbe leggere per vivere la vita al meglio.

Lifestyle, business, benessere, costume e tradizione: questi sono i temi trattati nella breve lista di libri che vi vogliamo suggerire. Testi di autori italiani e internazionali, recenti e non, con cui vogliamo stuzzicare la vostra mente.

Mentre nella selezione di letture propostevi in passato vi abbiamo indicato qualche strumento per essere gentlemen impeccabili, qui vogliamo consigliarvi qualcosa che vi aiuti ad affrontare la vita di tutti i giorni con il sorriso. La conoscenza non solo è affascinante, ma è anche un modo per distinguersi e attirare persone stimolanti. Buona lettura.

 

#1 SRINI PILLAY, IL POTERE DEL CAZZEGGIO: PERCHÉ LA DISTRAZIONE CI RENDE PIÙ INTELLIGENTI

Alzi la mano chi non si è mai messo a giocherellare sullo smartphone prima di mettersi a fare qualcosa di importante e di cerebralmente impegnativo, vergognandosi un po’ di questo suo volersi distrarre! Non vi preoccupate; avete fatto la cosa giusta, perché svagare la mente fino in fondo è davvero cosa buona per poterla rigenerare. Non lo diciamo noi. Lo dice Srini Pillay in “Il potere del cazzeggio”, neuropsichiatra e docente alla Harvard University con argomentazioni scientifiche. Il focus della teoria che leggerete nelle pagine di questo libro è il seguente: le capacità cognitive crescono alimentando la disattenzione in alternanza alla concentrazione, in un ritmo equilibrato e spontaneo. Questa successione determina un miglioramento della memoria e della capacità di trattenere esperienze importanti. Pillay suggerisce di muoversi, dormire, giocare, parlare da soli. Dopo, verosimilmente, studiare, analizzare, confutare, memorizzare, elaborare, redigere sanno attività semplici.

Adatto per chi sente il bisogno di argomenti seri alla sua naturale e sana voglia di distrazione.

Lo abbiamo scelto perché i paradossi ci divertono. È bello pensare che un professore universitario così importante ci spinga a concentrarsi su noi stessi, perdendo momentaneamente di vista i nostri obiettivi, come miglior modo per raggiungerli.

#2 FRANCESCO CIRILLO, LA TECNICA DEL POMODORO: COME ESSERE PRODUTTIVI, VALORIZZANDO IL PROPRIO TEMPO

Se vi dicessimo che dopo aver letto questo testo riuscirete a migliorare la vostra capacità di concentrazione, a sconfiggere l’ansia legata alla mancanza di tempo, a stimolare la vostra motivazione professionale e a mantenerla costante, nonché ad ottimizzare il metodo di lavoro o studio, correreste in libreria? Non vi stiamo mentendo. Se la vostra vita professionale è legata a dinamiche d’ufficio e state cercando suggerimenti su come lavorare in modo più produttivo – ricavando tempo alle attività che vi fanno piacere – vi suggeriamo di leggere “La tecnica del pomodoro” di Francesco Cirillo. L’autore ha elaborato questo metodo, sperimentandolo sulla propria pelle. Lo ha poi condiviso all’interno di un libro dove, con dovizia e precisione, racconta come cicli professionali di 25 min intervallati da 5 min di pausa possano aiutare liberi professionisti e membri di un team aziendale a tornare padroni del proprio tempo.

Adatto per chi vuole spunti esaurienti su come migliorare la propria produttività.

Lo abbiamo scelto perché al giorno d’oggi il tempo è sempre più una risorsa scarsa. Il nostro gentleman sa riconoscerlo e agire di conseguenza.

#3 LUCILLA TITTA, LA DIETA DEL MASCHIO. TUTTO QUELLO CHE UN UOMO DEVE SAPERE PER MANGIARE SANO E MANTENERSI IN FORMA

L’autrice, Lucilla Titta, è una donna che di professione fa la ricercatrice all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano e la nutrizionista. Ha scrittoLa dieta del maschio. Tutto quello che ogni uomo deve sapere per mangiare sano e mantenersi in forma”, rendendosi conto della crescente esigenza da parte di un pubblico maschile di avere informazioni e consigli per mantenersi in forma attraverso un corretto stile alimentare. Il libro risponde a questo bisogno e lo fa in modo utile, ovvero calando prescrizioni e suggerimenti nella vita di tutti i giorni. Infatti, dopo una prima parte dedicata ai fondamenti scientifici della dieta, troverete una ricca scelta di proposte di facile consultazione in cui ognuno può trovare indicazioni adatte al proprio stile di vita: che lavori alla scrivania o in cantiere, che pratichi o meno regolare attività fisica, che mangi di frequente al ristorante o debba prepararsi la schiscetta. La dieta del maschio è dunque un ottimo mezzo con cui ogni uomo può prendere facilmente in mano la propria salute e il proprio benessere quotidiano.

Adatto per quanti desiderino prendersi cura del proprio corpo.

Lo abbiamo scelto perchè crediamo nel binomio corpo-mente. Prendersi cura di quello è essenziale per poter essere felici e sentirsi bene.

#4 ALESSANDRO BARBERO, A CHE ORA SI MANGIA. APPROSSIMAZIONI STORICO-LINGUISTICHE ALL’ORARIO DEI PASTI (SECOLI XVIII-XXI)

A che ora si mangia? La domanda potrebbe sembrare banale, ma non in un paese come il nostro, né in una città con un’importante storia come Firenze. Soprattutto non è scontata agli occhi di chi voglia capire da dove derivano consuetudini che regolano i tempi moderni. In A che ora si mangia”, Alessandro Barbero si ferma a riflettere sui cambiamenti di orario dei pasti nella storia. Tema inesplorato, ma interessante. Vi è mai capitato di essere invitati ad una “piccola colazione” anche se per voi era ora di pranzo? Se la risposta è affermativa, sappiate che le ragioni di questa espressione stanno nella Londra e Parigi a fine ’700. Allora, dopo un progressivo procrastinamento, negli ambienti aristocratici il pranzo arrivò a essere consumato intorno alle 18 o 19, a vantaggio di un irrobustimento della colazione a metà mattina e una riduzione della cena. Solo nel ’900 i ritmi del mangiare tornarono ad essere quelli che conosciamo oggi.

Adatto per uomini appassionati di usi e costumi.

Lo abbiamo scelto perché crediamo nelle tradizioni e nel valore che hanno nel determinare la nostra vita. Ci piacciono gli aneddoti intelligenti con cui poter intrattenere i nostri interlocutori.